CNR ISAFOM

Studio e analisi dei processi fisici, chimici e biologici che determinano il funzionamento e la dinamica degli agro-ecosistemi negli ambienti a clima mediterraneo, per il miglioramento quali-quantitativo delle produzioni, per l’ottimizzazione dell’uso delle risorse naturali, e per la valorizzazione delle funzioni dei sistemi agricoli e forestali. Sviluppo e applicazione di metodi di ricerca e di innovazioni tecnologiche avanzate per il monitoraggio e la previsione degli impatti e delle risposte degli ecosistemi agrari e forestali alle pressioni antropiche e climatiche.

L’ISAFOM afferisce al Dipartimento di Scienze Bio-Agroalimentari del CNR ed ha una "massa critica" di 89 unità ripartito tra le sedi di Portici - NA (sede centrale), Catania, Rende (CS), e Perugia.

Nel corso della importante <<International Soil Modelling Consortium- ISMC2021 Conference>> organizzazione internazionale che raccoglie tutti i più importanti modellisti del suolo, la Dottoressa Marialaura Bancheri dell’Isafom (Istituto per i Sistemi Agricoli e Forestali del Mediterraneo) di Portici è stata insignita del riconoscimento “Early Career ISMC Presentation Awards 2021”. Il premio le è stato conferito per il lavoro da lei svolto per il progetto LandSupport: The extended transfer function model for the simulation of pesticidestransport along the unsaturated zone”.
 

Giovedì 24 giugno alle ore 10:00 nuova tavola rotonda del progetto LANDSUPPORT (Sviluppo di un sistema integrato di supporto alle decisioni territoriali basato sul web volto all'attuazione delle politiche per l'agricoltura e l'ambiente). I Dott. Angelo BasileMarialaura Bancheri (ISAFOM-CNR), insieme ad altri esperti europei (e.g. Harald Loishandl-Weisz dell'Agenzia austriaca per l'Ambiente), si confronteranno su come un Sistema di Supporto alle Decisioni (DSS) può supportare l'attuazione delle Direttive sui Nitrati e sui Pesticidi.

Nell'articolo "A radiographic method for the measurement of soil core volume in shrinkage analysis" (https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0016706121003712 ) riportato di seguito si dimostra come un importante contributo alla moderna scienza del suolo possa venire dall’applicazione un antico teorema di un matematico greco vissuto nel IV secolo, Pappo da Alessandria (Pappus Alexandrini). Gli autori hanno trovato il modo di combinare delle semplici radiografie di campioni indisturbati di suolo col suddetto teorema per migliorare di molto accuratezza e precisione nell’analisi dello shrinkage dei terreni soggetti a ritiro/rigonfiamento. E’ proprio vero che, a saper guardare, il passato ha ancora tanto da insegnarci...

Ultime notizie

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.